Slide toggle

Benvenuto/a nella boutique di Camilla Maison

Camilla Maison è il luogo pensato per tutti gli amanti della cucina e della decorazione della casa.
Nasce come un luogo di condivisione, di ricerca e di ispirazione per tante nuove idee. É un luogo dedicato a chi ama prendersi cura delle persone che lo circondano, attento alla propria casa e tavola, creativo e sempre alla ricerca di dettagli in grado di stupire.

Camilla Maison è lo spazio che ti farà sentire a casa.

Contattaci

Lunedì - Venerdì: 09:00 - 18:00 Via Molini, 21 - 37030 - San Vittore di Colognola ai Colli - Verona 045 6190760 045 6190760 info@gmaserigrafia.it

Tag: Dessert

Crema al torrone - Ricette di Gianna
mm

Crema al torrone – Ricette di Gianna

Crema al torrone

La Crema al torrone è una ricetta golosa che si realizza in pochissimo tempo e con soli tre semplici ingredienti. Ideale da servire come dessert ma deliziosa, e di consistenza perfetta, per farcire torte, bignè o pasta biscotto.

E’ una ricetta furba per sfruttare dopo le feste del torrone avanzato, ma vi garantisco che è perfetta in tutti i periodi dell’anno per due semplici motivi: il primo, il torrone è reperibile tutto l’anno, quindi non avrete difficoltà nel comprarlo, e, secondo, va servita fredda, quindi perfetta anche nei periodi più caldi.

La mia Crema al torrone è una bontà allo stato puro e senza uova, è talmente buona che lascerà piacevolmente soddisfatti i vostri ospiti.

Io l’ho servita su una deliziosa coppa gelato diamante di Morini, realizzata in vetro colorato e inviatomi da Camilla Maison. La trovate al seguente link: https://camilla.maison/prodotto/coppa-gelato-camelot-morini-6-pezzi/

Ma vediamo insieme gli ingredienti che dovete avere a disposizione per realizzare questa Crema al torrone.

Ingredienti

Per quattro persone:

  • 125 gr torrone bianco al cioccolato (meglio se scegliete quello duro)
  • 200 gr di panna da montare
  • 100 gr di ricotta

Procedimento

Per preparare questa deliziosa crema iniziate con lo sminuzzare grossolanamente con il coltello il torrone, non è assolutamente necessario che i pezzetti siano regolari.

Dopo aver tritato tutto il torrone, adagiatelo in una ciotola capiente (meglio se di vetro) e fatelo sciogliere a bagnomaria – o nel microonde per circa 1 minuto -. Una volta ben sciolto, lasciate intiepidire il torrone, quindi unite la ricotta che avrete mescolato precedentemente con una forchetta per renderla più cremosa.

Con l’aiuto di una frusta a mano mescolate energicamente il composto di torrone e ricotta. Una volta amalgamato bene il composto mettetelo da parte ed iniziate a montare in una seconda ciotola la panna ben fredda.

Quando sarà ben montata la panna, unitela alla crema di ricotta e torrone e mescolate il tutto, in modo da amalgamare bene i tre ingredienti.

A questo punto la vostra Crema al torrone è pronta.

Se decidete di servire questa golosa crema come dessert al cucchiaio, per rendere il tutto ancora più invitante, aggiungete sulla superficie un cucchiaino di torrone tritato, io, avendo in casa altro torrone, ho scelto, per creare un po’ di contrasto visivo, di non utilizzare lo stesso della crema.

Un consiglio: io ho utilizzato la panna vegetale, ma se scegliete quella di latte, dopo aver aggiunto alla crema la ricotta, mettete anche 20 gr di zucchero a velo.

Prodotti correlati

Gelo alla Cannella - Ricetta di Tommaso
mm

Gelo alla Cannella – Ricette di Tommaso

Gelo alla Cannella

Il gelo alla cannella è una ricetta tipica siciliana, e a quanto pare fuori dai confini regionali non si trova tanto facilmente.

Vi presento un ottimo fine pasto ed un dessert niente male, e nemmeno difficile da preparare.

Io l’ho servita su questo bellissimo piatto fondo trasparente RCR della collezione Medici, inviatomi da Camilla Maison. Vi lascio di seguito il link per l’acquisto: https://camilla.maison/prodotto/medici-piatto-fondo-deep-plate-rcr-conf-4-pezzi/

Ingredienti

Dosi per 4 geli

Io ho usato stampi per budino a forma di tronco di cono delle seguenti misure: base maggiore diametro di circa 7 cm, base minore diametro di circa 3 cm, per un’altezza pari a 5 cm.

450 g di acqua

70 g di zucchero

3 g di stecca di cannella

40 g di frumina sciolta in 100 g di acqua

zucchero a velo q.b. facoltativo

Procedimento

Io procedo sempre con il tenere in infusione a freddo le stecche di cannella, per 1 o 2 ore, nei 450 g di acqua, ma potete fare anche un decotto direttamente, e lasciare il composto a raffreddare.

Bollitura della cannella

Si può procedere in due modi.

Il primo è quello di far bollire massimo 10 minuti la cannella e poi tenerla fino al raffreddamento in una casseruola chiusa con il coperchio. In questo modo verranno rilasciati aromi intensi.

Il secondo metodo prevede di togliere la cannella subito dopo i 10 minuti di bollitura, in modo da non rilasciare troppi aromi.

In entrambi i casi consiglio di partire con una prima infusione a freddo, che poi diventerà decotto in entrambi i casi.

Una volta eliminata la cannella, si potrà aggiungere lo zucchero e portare nuovamente quasi a bollore.

Addensare il decotto

Preparare l’addensante a parte, facendo sciogliere in 100 g di acqua a temperatura ambiente la frumina. Non dovranno esserci grumi, e il composto dovrà sembrare una sorta di latte.

Appena il decotto inizia a sobbollire versare la frumina disciolta e girare continuamente fino ad addensamento.

Versare quindi il tutto negli stampini e lasciare per qualche minuto tutto a temperatura ambiente, in modo da non chiuderli quando ancora il composto è fumante, per evitare la formazione di condensa sotto il tappo degli stampini.

L’addensamento completo che può avvenire anche dopo 2 o 3 ore.

Per i tempi di addensamento dipende molto dal volume che si versa nello stampino, quindi dalla grandezza del gelo.

Fateli magari di mattina e a pranzo sono pronti, oppure la sera per il giorno dopo.

Servite come piace a voi, e tenete presente che anche a temperatura ambiente e buonissimo, e non si scompatta affatto.

Se volete addolcirlo ancora spolverate sula superficie dello zucchero a velo.

 

Spero vi sia piaciuta la ricetta del gelo alla cannella. Per qualsiasi chiarimento sono sintonizzata… A presto e grazie!

Prodotti correlati

Pancakes allo yogurt e frutta fresca
mm

Pancakes allo yogurt e frutta fresca – Ricette di Mariachiara

Pancakes allo yogurt e frutta fresca

Oggi ho preparato dei deliziosi pancakes allo yogurt e frutta fresca per una colazione gustosa ma leggera!

Li ho serviti in uno splendido vassoio rettangolare azzurro della collezione Emozioni del brand Le Nouveau Coq, in fine porcellana, gentilmente inviatomi da Camilla Maison. Vi lascio il link al prodotto: https://camilla.maison/prodotto/vassoio-rettangolare-emozioni-azzurro/

A questo punto vediamo insieme gli ingredienti necessari e il procedimento per ottenere i pancakes.

Ingredienti

(per 15/18 pancakes)

  • 2 uova intere
  • 80 gr di zucchero
  • 20 gr di miele
  • 400 gr di yogurt bianco
  • 100 ml di latte
  • 80 gr di burro fuso
  • 320 gr di farina 00
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • Un cucchiaio di estratto di vaniglia

Procedimento

  • Per prima cosa, montare le uova con lo zucchero e il miele;
  • Aggiungere poi gradatamente lo yogurt, il latte, il burro fuso e la vaniglia;
  • Successivamente, amalgamare la farina assieme al lievito e miscelare fino ad ottenere un composto liscio ed omogeneo;
  • A questo punto, riscaldare una padella antiaderente e cuocere due cucchiai di impasto per volta, due minuti per lato fino ad ottenere un colorito dorato su entrambe le parti;
  • Infine completare con sciroppo d’acero, frutta fresca, panna montata e creme spalmabili a vostro piacimento.
  • I pancakes allo yogurt e frutta fresca sono pronti da gustare! Serviteli su un piatto o un vassoio colorato e godetevi una buonissima colazione.
  • Buon appetito!

Prodotti correlati

Struffoli napoletani al Maraschino
mm

Struffoli napoletani al Maraschino – Ricette di Lia

Struffoli al maraschino

Gli struffoli napoletani al Maraschino sono una ricetta partenopea che rende il giorno di Natale ancora più goloso. In questo periodo a Napoli è impossibile resistere e non mangiarli! Sono infatti tra i dolci più deliziosi da mangiare sotto le feste ! Direttamente da Napoli adesso vi descrivo la ricetta che fa veramente il Natale! Oltre ai più famosi struffoli, i dolci di Natale napoletani offrono una vasta gamma di ricette tra cui scegliere come i susamielli con miele e mandorle, i mustacciuoli al cioccolato e i roccocò al profumo di cannella!

Ingredienti

Per gli struffoli al Napoletani al Maraschino occorrono:

  • 400 gr di farina bianca
  • 30 ml di maraschino
  • 50 gr di burro
  • 3 uova
  • olio di semi
  • 30 gr di zucchero
  • 350 gr di miele
  • zuccherini colorati
  • scorza grattugiata del limone

Difficoltà: Media
Cottura: 10 minuti
Preparazione: 45 minuti

Procedimento

Per preparare gli struffoli napoletani al maraschino versate la farina setacciata in una ciotola e al centro rompete le uova, il burro, lo zucchero , il maraschino e la scorza grattugiata del limone: lavorate a mano gli ingredienti fino a quando otterrete un impasto omogeneo e compatto.

Date all’impasto la forma di una palla e lasciatelo riposare per mezz’ora. Create quindi dei cordoncini del diametro di un dito e con un coltello tagliate dei pezzettini. Fateli quindi friggere in abbondante olio fino a quando saranno diventati ben dorati.

Quando avrete finito di friggere tutto l’impasto, sciogliete in una pentola ampia il miele e, quando sarà diventato liquido, spegnete il fuoco e versatevi gli struffoli e gli zuccherini colorati. Girate con un cucchiaio di legno in modo che tutti gli struffoli si impregnino di miele.

Quindi disporli in vassoi o in calici colorati, come questa coppa gelato Morini della collezione Camelot da me utilizzata https://camilla.maison/prodotto/coppa-gelato-camelot-morini-6-pezzi/

Prodotti correlati

Crepes con crema di nocciola e panna
mm

Crepes con crema di nocciola e panna – Ricette di Gianna

Crepes con crema di nocciola e panna

Probabilmente, le Crepes con crema di nocciola e panna, sono uno dei dolci più semplici e più goduriosi che si possano preparare.

Magari alcuni di voi le hanno già mangiate in qualche creperia o a casa di amici… ma seguendo la mia ricetta, in pochissimo tempo e con pochi ingredienti, potete prepararle a casa e farcirle come più vi piace!

Le Crepes con crema di nocciola e panna sono perfette per una merenda, per concludere in dolcezza sia una cena tra parenti che dopo un pranzo un po’ più formale o per mandare allegramente a quel paese la famigerata dieta!… insomma, con poca fatica massimo rendimento e riscuoteranno sempre e comunque un gran successo.

Ma trasferiamoci in cucina e realizziamo insieme le nostre Crepes con crema di nocciola e panna servite su un vassoio della collezione Emozioni del brand Ghegin. Vi lascio qui il link per l’acquisto -> https://camilla.maison/prodotto/vassoio-rettangolare-emozioni-verde-ghegin/

Ingredienti

Per 15-17 crepes 

  • 250 gr di farina
  • 40 ml di latte a temperatura ambiente
  • 1 pizzico di sale
  • 3 uova intere a temperatura ambiente
  • 20 gr di burro fuso
  • crema alla nocciola q.b.
  • panna da montare q.b.

Procedimento

Per realizzare le Crepes con crema di nocciola e panna bastano pochi passaggi.

Mescolate bene la farina con il latte. Aggiungete le uova e il sale e lavorate fino a ottenere una pastella liscia ed omogenea. Quindi unite il burro fuso -non troppo caldo- e mescolate nuovamente, il modo che il burro si amalgami a gli altri ingredienti.

Lasciate riposare in frigorifero per circa venti minuti o comunque fino a quando non decidete di prepararle (in frigo possono restare anche per diverse ore, coprendole per bene con della pellicola trasparente da cucina).

Ungete un padellino con pochissimo il burro, scaldatelo e versatevi un mestolino di pastella. Muovete il padellino affinché la pastella ricopra tutto il fondo (o potete utilizzare l’apposito attrezzo in legno) e cuocete fino a quando la crepe non risulti dorata. Giratela con una spatola (io mi aiuto con la punta delle dita) ma voi fate come meglio vi riesce.

A questo punto spalmate uniformemente su di ogni crepe un cucchiaio di crema di nocciola e uno di panna montata (a vostro gusto le quantità), quindi piegatele a metà e nuovamente a metà, ottenendo così un “triangolo”.

Disponete le vostre Crepes con crema di nocciola e panna su di un piatto da portata e decorate come più vi piace!

Consiglio: L’ideale sarebbe servire le crepes ancora calde, quindi senza far passare troppo tempo dalla cottura alla farcitura.

Un saluto, un sincero grazie per la visita e alla prossima ricetta!

Prodotti Correlati

Tortino al cioccolato col cuore morbido
mm

Tortino al cioccolato col cuore morbido – Ricette di Mariachiara

Tortino al cioccolato col cuore morbido

è la coccola per eccellenza quando fuori fa freddo, il camino è acceso e alla tv c’è il vostro film/serie TV preferita.
Che siate soli o in compagnia, il tortino al cioccolato col cuore morbido allieterà la vostra anima, questo posso assicurarvelo 😉

Ho provato millemila ricette ma devo dire che questa è la migliore che abbia mai provato, gustato e goduto.
Per questo, grazie al mio amico/pasticcere/boss Enzo per la ricetta! 

In seguito ingredienti, dosi e procedimento step by step per un tortino al cioccolato col cuore morbido che spacca!

Ingredienti

Per 3 tortini in barattolo da 200 ml

100 gr di cioccolato fondente di ottima qualità (70/75%)
90 gr di burro
80 gr di zucchero a velo
2 uova intere (120 gr)
20 gr di farina 00

vasetti Weck da 200 ml gentilmente offerti dalla Gma Serigrafia

Procedimento

  1. Fondere a fuoco basso il burro assieme al cioccolato, sempre mescolando;
  2. Lasciar intiepidire ed aggiungere lo zucchero a velo;
  3. Amalgamato lo zucchero a velo, incorporare le uova intere una per volta facendone assorbire prima uno e poi aggiungendo l’altro;
  4. Infine addizionare la farina setacciata e lavorare il composto fino a renderlo liscio, setoso ed omogeneo;
  5. Spruzzare i vasetti Weck con dello staccante e riempirli con il composto del tortino al cioccolato col cuore morbido per circa i 2/3;
  6. Cuocere in forno preriscaldato ventilato a 200° per 10 minuti esatti;
  7. Sfornare, spolverare dello zucchero a velo e gustare caldo 😉

Osservazioni

  • Il cioccolato deve essere di ottima qualità altrimenti ne andrà di mezzo il gusto finale;
  • I vasetti devono essere adatti alla cottura in forno, se non avete a disposizione questi ultimi, procuratevi dei pirottini usa e getta, ma devo dire che il vasetto è tutt’altro cosa 😉
  • Per quanto riguarda i tempi di cottura, dipende un pò da quanto cuore morbido si desidera. Secondo il mio parere 10 minuti di cottura formano la giusta quantità di cuore.
  • E’ possibile surgelare il vostro tortino al cioccolato col cuore morbido nell’apposito pirottino e cuocerlo all’occorrenza, prolungando però i tempi di cottura a 15-18 minuti.
Victoria sponge cake al torroncino
mm

Victoria sponge cake al torroncino – Ricette di Mariachiara

La Victoria sponge cake (o victoria sandwich) al torroncino

è una torta di origini inglesi, a quanto pare la preferita della regina Vittoria, che amabilmente accompagnava al suo thè delle 5.
Composta da due dischi di torta ed una farcitura a base di panna montata, mascarpone o camy cream (crema a base di panna montata, mascarpone e latte condensato) e confettura di lamponi, la victoria sponge cake era ed è considerata una torta regale, regale infatti come la sua presentazione che ricorda qualcosa di sontuoso, reale.

La mia versione prevedere la classica victoria sponge cake ma farcita con una diplomatica al torrocino ottenuta unendo crema pasticcera alla vaniglia, panna montata e crema di torroncino. Più facile a farsi che a dirsi 😉

In seguito ingredienti, dosi e procedimento step by step della mia victoria sponge cake al torroncino!

Ingredienti

Per una victoria sponge cake da 26 cm

380 gr di farina 00
380 gr di zucchero semolato
burro a pomata ( 380 gr a temperatura ambiente)
7 uova intere (420 gr circa)
16 gr di lievito per dolci (una bustina)
una bacca di vaniglia

Per la diplomatica al torroncino

1/2 dose di crema pasticcera (clicca qui per la ricetta completa)
400 ml di panna fresca
100 gr di crema al torroncino

Per la bagna

A scelta, analcolica o alcolica (io ho utilizzato il Baileys)

Procedimento

Profiteroles
mm

Profiteroles – Ricette di Mario

Il profiteroles

è un tipo di dolce ottenuto con un bignè (rigorosamente fatto in casa) da riempire con creme o panna, glassati con una golosissima e cioccolatosa ganache, sistemati su un piatto da portata formando una piramide e decorati con ciuffetti di panna…..in poche parole una bomba stragolosa. 🙂

Questa ricetta nasce grazie alla collaborazione con GMA SERIGRAFIA, che mi hanno gentilmente omaggiato di uno splendido piatto da portata firmato Tognana.

Ingredienti

Per circa 40 bignè:

250ml di acqua

125g di burro

pizzico sale

150g di farina

4 uova

 

Per il ripieno dei bignè:

450ml di panna fresca montata e zuccherata

 

Per la ganache:

300ml di panna fresca liquida

250g di cioccolato fondente

30g di miele

Procedimento

Per la realizzazione di questa ricetta partiamo dalla preparazione dei bignè. In una pentola versare l’acqua, aggiungere il burro e il pizzico di sale.

Mettere sul fuoco e una volta raggiunto il bollore, spegnere il fuoco e aggiungere di colpo tutta la farina. Con l’aiuto di un cucchiaio di legno mescolare velocemente fino a quando non avrete ottenuto un composto omogeneo e che si stacchi dalle pareti.

Lasciar raffreddare il composto. Una volta freddo, trasferire il composto in planetaria o robot da cucina.

Aggiungere le uova una per volta e mescolare ad alta velocità il tutto fino ad ottenere un composto senza grumi e che abbia la consistenza di una crema. Trasferire l’impasto dei bignè in un sac a poche (se non l’avete, potete farlo con 2 cucchiaini) e su placca da forno rivestita da carta forno formate tante palline non troppo vicine(perchè durante la cottura si gonfieranno). Infornare i bignè a 190° per circa 30mn.

Una volta passati i 30mn di cottura, aprite leggermente lo sportello del forno e lasciate i bignè nel forno spento per altri 10-15mn (questo passaggio serve per farli asciugare all’interno e per non farli sgonfiare).

Una volta sfornati e lasciati raffreddare, farcite i bignè con la panna montata, passateli uno per uno nella ganache (che avrete precedentemente preparato semplicemente sciogliendo cioccolato e miele nella panna bollente, mescolato il tutto e lasciato raffreddare completamente) sistemateli su un piatto da portata formando una sorta di piramide, decorate con ciuffetti di panna e servite il vostro supergoloso profiteroles .

Tiramisù Gluten Free
mm

Tiramisù Gluten Free – Ricette di Katia

Tiramisù Gluten Free

un dolce super goloso che può essere gustato anche da chi è intollerante.

Sono molto sensibile alle intolleranze alimentari, e sono vicina a chi ha dovuto per molto tempo rinunciare al piacere della tavola, perché l’ argomento celiachia era un po’ messo in disparte.

Grazie alla mia collaborazione con VIALL, che si occupa di prodotti senza glutine, senza allergeni, senza olio di palma e…buoni! Prodotti pensati per celiaci, intolleranti al glutine e ai principali allergeni alimentari che non rinunciano a mangiare sano e con gusto,  ho potuto cimentarmi in questa preparazione golosa, utilizzando i canestrelli al riso. Ecco la mia ricettina

Ingredienti

150 gr di mascarpone

canestrelli al riso VIALL qb senza glutine, sono pensati per i golosi che non vogliono rinunciare a mantenersi sani e in forma. Senza allergeni come latte, uova, soia o frutta a guscio sono la soluzione perfetta per le colazioni, le merende e gli spuntini di chi soffre di intolleranze alimentari. Inoltre, essendo privi di ingredienti di derivazione animale sono indicati anche per i vegani.

100 gr di zucchero

3 uova

cacao amaro qb

caffe qb

Procedimento

Per questa coccola per l’anima, iniziamo con il dividere i tuorli dagli albumi.

In una terrina mettiamo metà dello zucchero, il mascarpone ed i tuorli e con l’ aiuto di una frusta iniziamo ad amalgamare bene il composto.

Nella ciotola della planetaria con la frusta filo, iniziamo a montare gli albumi. Dopo qualche minuto aggiungiamo lo zucchero e lasciamo montare a neve ferma.

Una volta pronti

li mettiamo nel mascarpone e con l’ aiuto di una spatola, mescoliamo dal basso verso l’ alto. Prendiamo il caffè che nel frattempo si sarà freddato e procediamo.

Riempiamo una sac a poche con il composto e iniziamo.

Io ho fatto una monoporzione, utilizzando il vasetto gioiello   GMA serigrafia , e devo dire che si presenta molto bene, ho fatto uno strato di crema, uno strato di biscotti inzuppati con il caffè, una spolverata di cacao ed ho continuato fino a raggiungere il bordo del barattolo.

Messo in frigo a riposare fino al momento di gustarlo. Una vera delizia.

Io trovo che il vasetto sia troppo bellino. Sicuramente da provare. Naturalmente voi potete usare una teglia o un contenitore che piu’ vi piace.

Crema Spalmabile alle Mandorle
mm

Crema Spalmabile alle Mandorle – Ricette di Mario

Crema spalmabile alle mandorle, una vera delizia!

La mia Crema Spalmabile alle Mandorle, provare per credere.

Salve a tutti, rieccomi qui a pubblicare una nuova, semplice e gustosa ricetta. Oggi condivido con voi la ricetta della crema spalmabile alle mandorle, una crema golosissima realizzata con mandorle e cioccolato bianco. Una crema fatta in casa ideale per tutto, da spalmare su delle fette biscottate e ottima per farcire biscotti, brioche etc…PROVATELA!!

Ingredienti

80g di pasta pura di mandorle (oppure 100g di mandorle spellate,tostate e finemente tritate)

70g di burro

100g di cioccolato bianco

50g di zucchero a velo

40ml di latte

Procedimento

In un pentolino sciogliere cioccolato bianco, pasta di mandorle e burro. Una volta sciolto il tutto, aggiungere il latte, lo zucchero a velo e a fuoco basso mescolare il tutto fino a quando non avrete ottenuto una crema omogenea, liscia e senza grumi.
Se usate le mandorle, tritare finemente con lo zucchero a velo, fondere burro e cioccolato, aggiungere le mandorle finemente tritate con lo zucchero, il latte e mescolate sempre a fuoco basso fino ad ottenere una crema omogenea.

A cottura terminata:

Versate la crema ottenuta in un vasetto di vetro a chiusura ermetica e far raffreddare a temperatura ambiente.

Appena tolta dal fuoco, la crema si presenterà leggermente liquida, ma tranquilli; una volta fredda acquisterà la consistenza di una crema spalmabile.